Loano-Castagnabanca

  • Cartina

  • Difficoltà: Medio
  • Lunghezza percorso: 9.1 Km
  • Tempo medio di percorrenza: 1 ora
  • Vegetazione principale: Pino marittimo, castagno, quercia, frassino, erica – brugo, felce.

Nel terzo articolo viene descritto un nuovo tracciato che da Loano sale fino al bosco di Castagnabanca. Per buona parte il percorso ricalca l’itinerario del secondo articolo.

La partenza è sempre dal piazzale del monastero di Monte Carmelo. Ecco la descrizione di come ci si arriva: dall’Aurelia SS1 girate a lato monte in via della Rimembranza; la strada è a senso unico e porta a Borgo Castello. Girate quindi a destra al primo incrocio, la via passa su un lungo ponte in salita che porta a Monte Carmelo, la meta del nostro ritrovo.

Torniamo a Borgo Castello ripercorrendo la discesa del ponte; giunti all’incrocio giriamo a destra per via Bulasce, che prosegue dritta e in falsopiano per un lungo tratto.

Al termine della via si passa sotto il ponte dell’autostrada, (Genova-Ventimiglia A10) dopodichè si giuge ad un incrocio, svoltate a destra in direzione Verzi.

All’interno di Verzi si percorre via Borgata Case, al cui termine si arriva ad una curva stretta ed insidiosa.

Il vicolo Borgata Borgarino prosegue in forte salita. Sulla sinistra troverete una deviazione: ignoratela e continuate ad andare dritti in direzione della chiesa di Verzi. Lo strappo prosegue per altri 100 metri fino ad arrivare ad un bivio; svoltate a destra dove affiancherete la Chiesa. Quindi si affronta uno stretto tornantino che svolta a sinistra.

La salita ora prosegue in modo costante con pendenze impegnative lungo il costone dell’altura.

Lungo il percorso si affiancano alcune villette e ben presto si giunge ad un altro bivio; proseguite sempre dritti (a destra si percorre il giro dell’articolo 2)

La salita ora continua alternando strappi impegnativi a punti con pendenze più dolci. Durante la pedalata si deve affrontare un paio di tornanti; uno di questi presenta un bivio sulla sinistra, ingnoratelo e continuate a percorrere la salita che curva a destra.

Proseguendo per circa 300 metri la strada cambia pavimentazione, perchè dall’asfalto si passa allo sterrato.

Dopo poche decine di metri dall’inizio della terra battuta si incontra una nuova deviazione sulla destra, ma bisogna mantenersi sempre sulla strada principale che curva leggermente a sinistra.

Durante due tornanti in salita sono presenti dei bivii, continuate a proseguire per la strada principale, ignorando le deviazioni.

Lungo la salita in prossimità di una fattoria, il percorso tocca le maggiori pendenze del nostro itinerario, conviene pedalare in quel punto della strada in cui il terreno è più compatto e privo di sconnessioni, altrimenti si rischia di perdere l’aderenza.

Una volta lasciato alle nostre spalle questo strappo, il percorso si fa più dolce, la strada affronta uno stretto tornantino sulla sinistra per poi proseguire diritta per un centinaio di metri fino alla meta del nostro itinerario: il piazzale di Castagnabanca.

  • Conclusioni: Questo percorso, anche se di modesta lunghezza, può essere difficoltoso poichè superato l’abitato di Verzi, prosegue in costante salita fino al punto di arrivo. Reputo questo tracciato molto utile per chi vuol fare un buon allenamento, però per poter affrontare questo itinerario si deve possedere una buona resistenza in salita, quindi in caso contrario suggerirei di allenarsi dapprima con percorsi meno ostici. Le condizioni dello sterrato sono molto buone, il terreno è compatto e poco pietroso, se lo si percorre dopo una giornata piovosa non si incorre nel problema di pedalare in un terreno fangoso! Da quando si imbocca la strada sterrata si devono affrontare 6 tornati. La natura che si attraversa presenta boschi di alberi a foglie caduche come il castagno, la quercia e il frassino. Dallo spiazzo di Castagnabanca, alto 650 metri, iniziano un paio di sentieri che portano al rifugio di Pian delle Bosse, al Monte Carmo e alla “palestra” dei rocciatori: Rocca dell’Aia.

Buona pedalata e arrivederci al prossimo articolo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...